La Valle dei Camosci

Era una meta che si apriva all’improvviso…..

Ad una nostra richiesta su dove fosse questa Valle, ci veniva indicato, con un gesto dell’indice, un “muro” di roccia e una breve spiegazione <…è lì dietro…>.

Quindi si partiva senza vedere la meta d’arrivo, ma questo ci bastava, perchè ogni gita era un’esperienza, una condivisione, una conquista.

Tra fatica, sbuffi, canti e sudore si percorreva il sentiero che, dapprima si snodava nel bosco alle spalle della Malga e, dopo, si disegnava su ghiaioni fino a raggiungere e ad aggirare il Dente del Gigante; infine si apriva questa verde Valle tutta per noi.

Seguivano giochi, cori e merende che ci accompagnavano fino al rientro al Villaggio nel tardo pomeriggio.

popena

Lascia un commento